Twitter e opinione pubblica

27 Mar 2018

Twitter è uno dei social network che si è affermato più rapidamente e in modo capillare; fra le ragioni di questo successo la marcata viralità della sua struttura, che consente a chiunque di seguire chi vuole senza bisogno di stringere legami reciproci: una caratteristica grazie a cui è diventato lo strumento preferito di politici, esponenti dei media e personaggi pubblici per diffondere le loro opinioni sui più svariati argomenti dell'attualità.

Ma in che misura questo mezzo riesce a plasmare l'opinione pubblica? Se lo sono chiesto due ricercatori cinesi, Fei Xiong e Yun Liu della Beijing Jiaotong University che hanno utilizzato alcuni algoritmi al computer per analizzare le opinioni espresse da un gran numero di utenti del social network, disponibili pubblicamente, su specifici argomenti e soprattutto come esse evolvono nel tempo.

I risultati, illustrati in un articolo apparso sulla rivista Chaos sono abbastanza sorprendenti perché mostrano che le opinioni veicolate da Twitter evolvono rapidamente verso uno stato ordinato in cui emerge una posizione dominante, che riceve l'approvazione di gruppi di utenti sempre più grandi.
Più nello specifico, i dati mostrano che mentre all'inizio le opinioni su un argomento fluttuano notevolmente, questa variabilità si attenua molto in fretta, stabilizzandosi su un'opinione di maggioranza, largamente condivisa, che prevale nettamente sull'altra.

“Una volta che si è stabilizzata, l'opinione pubblica difficilmente cambia”, ha spiegato Xiong. E non solo: sul lungo periodo, l'opinione che prevale è quella che all'inizio aveva un modesto vantaggio sulle altre. Questo fenomeno, tipico dei sistemi caotici, è denominato dipendenza sensibile dai dati iniziali o più volgarmente “effetto farfalla”, perché fu esemplificato da Edward Lorenz, pioniere della teoria del caos, in una celebre conferenza dal titolo “Il battito delle ali di una farfalla in Brasile può scatenare un tornado in Texas?”.

I risultati dello studio di Xiong e Liu indicano un altro fenomeno interessante: le opinioni dominanti tendono a non raggiungere un consenso completo. In altri termini, coloro che hanno una posizione di minoranza tendono a mantenerla anche quando si trovano di fronte a una maggioranza schiacciante. Twitter, infine, viene utilizzato molto per cercare di convincere gli altri delle proprie opinioni, e molto poco per ammettere di aver abbracciato l'opinione altrui.

Liberamente tratto da LeScienze.it, del 11 marzo 2014
 

Immagini