Home > News > Sul fondamento scientifico
del fare counseling
Sul fondamento scientifico
del fare counseling
Un intervento alla FAIP Counseling 

L'intervento intendeva dare un contributo al dibattito riguardante l’ambito disciplinare del counseling, identificando il cuore della questione nella disciplina scientifica che ne sta a fondamento, al di là dei modelli di pratica.

Partendo dalla descrizione della professione data nel documento programmatico della Faip Counseling, si individua quella disciplina nell’antropologia evoluzionistica, nei suoi aspetti biologico e culturale, e nella concezione della fitness che ne deriva.

Il counseling, infatti, è un comportamento adattivo di sostegno nel passaggio dalla competenza biologica alla coscienza razionale, secondo il pensiero di Dennett, di un soggetto in difficoltà provenienti da processi evolutivi, transizioni e stati di crisi vari.

Tali difficoltà sono viste, appunto, alla luce dell’antropologia evoluzionistica, intese quali problemi adattativi insorti nel perseguimento degli scopi o bisogni biologici da parte della persona in consulenza. Da questi scopi, che si possono qualificare attraverso il binomio eros e kratos, relazione e affermazione di sé, alla luce delle teorie di Dawkins e di Damasio, emerge l’evoluzione dalla biologia alla cultura.

Essi sono l’obiettivo imprescindibile di ogni vita. Per realizzarli la specie ha elaborato comportamenti adattivi, poste in atto procedure di problem solving ed elaborati sistemi di pensiero. Il fallimento di ciò comporta difficoltà e crisi.

Qui si inserisce il counseling come strategia di passaggio dalla competenza biologica alla consapevolezza razionale nella persona che ad esso ricorre.
 
Altre news
hai bisogno di aiuto? contattaci

Richiedi informazioni compilando il form

Scrivici ora !